Primitivo 2020

I muscoli e i nervi tesi di un atleta adattato al suo territorio, che usa le sue potenzialità e quelle dell’ambiente con cui convive per esprimere sia la sua concreta materia che la sua fresca e tonificante agilità e dinamica beva.

Il primitivo di Ludovico è come il suo vignaiolo, un viandante in terra delle Gravine, sicuro delle sue origini, temprato dalle sue esperienze, certo delle sue capacità.

Il primitivo che ci piace, convinto e generoso, scattante, corroborante e scalpitante

Lascia il tuo commento
  • blank

    I colori densi, decisi, ostinati del Primitivo convalidano la natura del vitigno e la rappresentano già solo cromaticamente.

  • blank

    I profumi ne consacrano il corredo genetico aromatico, tra note di marasca e ciliegia mai invasive sempre eleganti ed educate, insieme a novità erbacee, sapide, inaspettate e che iniziano a far comprendere il calice che sarà.

  • blank

    Il palato è il giusto e bilanciato epilogo delle tre fasi dell’assaggio, ricco, carico che però come una diga riesce ad indirizzare su tutte le papille, le infinite sensazioni di cui è capace. Minerale, ghiotto, a tratti inaspettatamente tannico, sicuramente asciutto e succoso, consistente e agile al contempo.

Primitivo 2020 Marco Ludovico